Biennale Int.le Umorismo nell’Arte

Biennale logobianco

TOLENTINO 

Il programma completo delle iniziative, gli orari delle mostre, i luoghi su www.biennaleumorismo.it

Le mostre

Il sipario si alza sul mese di luglio con l’evento cardine della Biennale. Si inaugura l’11 luglio al Castello della Rancia la mostra sui 30 anni della Compagnia della Rancia . Un viaggio nell’ironia sfaccettata delle storie raccontate attraverso la musica e l’arte coreutica. La celebre compagnia numero uno del musical in Italia, sotto l’abile guida di Saverio Marconi, soffia sulle trenta candeline e ci racconta il suo lungo e avvincente viatico. Una mostra percorso che parte da “A Chorus Line” del 1989 sino ad arrivare a “Frankenstein Junior” del 2012, senza tralasciare “Cats”, “Grease” e “Pinocchio”, solo per citarne alcuni. Nell’elegante salone del secondo piano di Castello della Rancia, una mostra su tre dimensioni: i costumi, le scenografie, i materiali video-fotografici. Di vernissage il giorno seguente, il 12 luglio, un’esposizione di grande prestigio, quella della Scuola Romana a Palazzo Parisani Bezzi. La mostra sulla Scuola Romana verrà allestita con i capolavori di numerosi pittori tra cui il maceratese Gino Bonichi, meglio noto come Scipione. Alla sua ironia dolorosa e mistica sarà affidato il fil rouge della mostra. Accanto ai suoi capolavori altri capisaldi della cosiddetta “Scuola di via Cavour”: Bartolini, Cavalli, Crucianelli, De Chirico, De Pisis, Maccari, Mafai, Pirandello, Savinio, e numerosi altri. Un gruppo eterogeneo di opere pervenute dal museo di Palazzo Ricci e da numerosi privati per una mostra che si preannuncia unica data la partecipazione di molte tele private che, custodite gelosamente, non sono mai state esposte pubblicamente. Nelle Grotte di Palazzo Sangallo infine, sede del Museo della Caricatura, verrà allestita la mostra-concorso che vedrà l’esposizione dei lavori degli artisti in gara.

 

Viene dalla Turchia Gumus Musa, l’artista che con “Escape” vince la XXVII Biennale Internazionale dell’Umorismo nell’Arte. L’artista che ha tradotto il tema di quest’anno “O combatti o scappi (oppure ridi)” in una simulazione fantasiosa di fuga in un momento estremamente difficile per la propria patria, è infatti il vincitore fra i sei finalisti della XXVII Biennale Internazionale dell’Umorismo nell’Arte di Tolentino. L’annuncio è stato dato nel corso di una conferenza stampa in Regione alla presenza dell’Assessore regionale alla Cultura Pietro Marcolini, del Sindaco di Tolentino Giuseppe Pezzanesi, del direttore artistico della Biennale Evio Hermas Ercoli e del patron della Compagnia della Rancia Saverio Marconi (che celebra i trent’anni della Compagnia con una mostra nell’ambito della Biennale). È stato il popolo della rete, pur non conoscendo la provenienza dell’artista al momento del voto (le opere erano anonime), ad intercettare la capacità sostanziale dell’opera di leggere la tragicità dei contesti di guerra. Raccoglie infatti ben 2070 voti tra il sito della manifestazione, facebook e i mediapartner della Biennale.

Accanto a lui, in ordine di classifica, Vedù Toni con “Una risata vi seppellirà”, già secondo classificato nel 2001, Riz Manuel con “The Conquest”, vincitore del premio straordinario nel 2001 con tema “Il dubbio”, Picarelli Dario con il video “Smile”, Tazzari Anna con “Le prodezze quotidiane della Signora Maria” e Salè Tiziana con “Ninja”. A sorprendere è l’internazionalità sia della manifestazione che del voto finale. Circa 7500 i votanti da tutto il mondo, con un grosso utilizzo di Facebook per esprimere la propria preferenza. Una grande rivoluzione mediatica che segna la storia della manifestazione e degli stessi concorsi artistici, quella di chiamare il pubblico della rete alla responsabilità del voto e della scelta del vincitore. Alla significativa novità si è abbinato lo strepitoso successo dell’iniziativa, con utenti da tutto il mondo che hanno deciso di esprimere il proprio voto ed attestarsi come protagonisti di questa edizione della Biennale. L’attesa premiazione arriverà in occasione della serata del 12 luglio in cui si ricorderà il maestro della comicità Alberto Sordi, con uno spettacolare evento che vedrà la partecipazione del nipote dell’attore romano, Igor Righetti e la sua biografa ufficiale Maria Antonietta Schiavina. Altra serata clou è quella inaugurale, dell’11 luglio, un momento di incredibile intensità per celebrare, con il regista e fondatore Saverio Marconi, i trent’anni di attività della Compagnia della Rancia, la regina del musical made in Italy.

 

 

 

Comments are closed.